December 18, 2014

Negozio, Milano


gallerialanotte artepubblica:

#2 /// giancarlo norese /// negozio ///

dal 18 dicembre 2014 al 29 marzo 2015 
visibile tutte le notti dalle 22.00 all’alba 

intervento critico di rossella moratto 

NOWHERE
via del Caravaggio, 14
20144 Milano
+39 329 21 53 299
lunedì/venerdì 15.00–19.30 o su appuntamento

«Certo, l’animale uomo gode del pensiero, e Malevič senza tentennamenti lo definisce una forma di lavoro, in quanto azione destinata a modificare la descrizione del mondo e il mondo stesso (…)
“Ho sempre pensato che dovrebbe essere esattamente al contrario: il lavoro dovrebbe essere maledetto, come ci insegnano le leggende sul paradiso, mentre il non fare dovrebbe essere lo scopo essenziale dell’uomo. Ma è il contrario che si è prodotto.”
(…) ozio è libertà di vagare, di pensare, di immaginare. Ozio è libertà di essere, è essere.
Il suo opposto non è labor (fatica), in cui piuttosto matura un frutto del vagare, ma negotium, il luogo, il tempo, l’azione di scambiare. Ove avviene una attribuzione di valore, attraverso una relazione di potere.
Ecco ristabilita la concatenazione occultata: (…) ozio – lavoro – negozio – ozio.»

Maurizio Costantino, nota introduttiva a Kazimir S. Malevič, L’inattività come verità effettiva dell’uomo, Asterios, 2012.

December 15, 2014

Premio Terna 06, Torino

L'arte guarda avanti. Premio Terna 06, Archivio di Stato, Torino, IT, Dec 15, 2014–Jan 15, 2015.

Lorenzo Aceto, Sara Alavi, Paola Angelini, Mirko Baricchi, Veronica Botticelli, Anna Capolupo, Linda Carrara, Anna Caruso, Paolo Roberto D’Alia, MAAM Museo dell’Altro e dell’Altrove, Marco Dalbosco, Marco De Sanctis, Matteo Fato, Robert Gligorov, Regina Huebner, Andrea Magnani, Marcello Maugeri, Salvatore Mauro, Andrea Mete, Giancarlo Norese, Luana Perilli, Massimo Pianese, Marco Piersanti, Vittoria Parrinello, Nicola Pucci, Rosa Maria Rinaldi, Mes Rine, Fausta Squatriti, Giordana Victoria, Angelo Zani.

Opening Dec. 15, 2014 at 6pm.

December 12, 2014

fruit, Bologna

December 12-14, 2014. Palazzo Re Enzo, Bologna, Italy

Publishers / Distribution companies / Graphic designers / Artists / Labels and independent musicians

FRUIT EXHIBITION is an event centred on the best international graphic design and creative publications. Open to the public, Fruit Exhibition is the only event in Italy for paper and digital publishing including artists’ books, catalogs, graphic design projects, periodicals, stationery and zines.

EXHIBITORS
a certain number of books (Milano), Aurora zine (Milano), Atlas Magazine (Italy), BOLO Paper (Milano), Bonito Editorial (Spain), Burrasca Associazione (Genova), Canemarcio (Bologna), Canicola (Bologna), Celeste (Pesaro), Cloud4 (Bologna), Coloro del Colore (Ancona), Cuore di pietra (Bologna), Delebile (Bologna), Diorama Editions (Milano), Duedifiori/Martina Dandolo (Bolzano), DUO (Roma), Edizioni consulta (Reggio Emilia), Eistein Studio (Tokyo), Extrapool (The Netherlands), Farnespazio/Localedue (Bologna), Fugazine/Monkeyphoto (Roma), Gianpaolo Pagni (Paris), Giulia Violanti (Rimini), Incubo alla balena (Fano), Jordskred (Amsterdam), KeiKei studio (Ancona), Kitschic (Spain), Lara Caputo/Alice Lotti (Milano/Torino), Lazy dog (Milano), Le magnifiche editrici (Bologna), Les editions d'avril (Paris), Lab.A4 - Parade - Martoz (Roma), Librare (Ancona), Libri finti clandestini (Milano), Edition Lidu (Prague), Lok zine (Bologna), Lubok Verlag (Leipzig), Maledizioni (Brescia), Mammaiuto (Lucca), Medulla (Modena), Milimbo (Valencia), Modo Infoshop (Bologna), Nativi Digitali Editori (Bologna), Niessen and de vries (Amsterdam), Officina tipografica (Modena), Perdita metabuk (Barcelona), Pillole di futuro (Rovigo), Print about me (Torino), Quaderni di carattere (Varese), Ratatà/Uomini nudi che corrono (Macerata) Raum Italic (Berlin), Rorhof (Bolzano), Roma Publications (Amsterdam), Serena Piccinini (Bologna), Solo ma non troppo (Paris) Sonnenzimmer (Chicago), Soulcake (Novara), Stranedizioni (Macerata), Teiera (Bologna), Troglodita Tribe (Milano), Uvaspina (Pietra Ligure), Valiko (Bologna), Valiz (Amsterdam), VAV (Italy), Von holden studio (Palermo), X Magazine | NPO Made in Fukushima (Tokyo).

Fiction Critique, Rennes

Collection. Un rêve d’éternité
Frac Bretagne, Rennes, FR
Dec 12, 2014–Apr 26, 2015

Victor Burgin, Jocelyn Cottencin, Bruno Di Rosa, Tatjana Doll, & IL TOPO, Robert Filliou, Hreinn Fridfinnsson, Rebecca Horn, Julije Knifer, Bertrand Lavier, Lucas L’Hermitte, Helen Mirra, Gabriel Orozco, Michel Parmentier, Anne et Patrick Poirier, Étienne Pressager, André Raffray, Sarkis, Sturtevant, Rémy Zaugg.

Fiction Critique is an artwork by & IL TOPO produced by FRAC Bretagne (2014) which refers exclusively to the exhibition Collection. Un rêve d’éternité.

The Topist idea of Fiction Critique puts the accent on the first part of the term: FICTION. It ranges from poetic blindness to deliberate satirical falsehood, in an attempt to disorient and distort the experience of the visitor to the exhibition, or the observer of the images the exhibition contains.

While making use of valid historical research, ficTOPOcritique makes no effort whatsoever to provide the public with necessarily reliable documentation or insightful commentary. It enhances or compromises the experience of the artworks of others through a disarmingly dishonest and parasitical approach.

Each selected work from the exhibition/collection is “explained” and narrated by one person, through complete invention and fantasy, and always from a Topist perspective. The “ficto-critics” can be artists, writers, philosophers, scientists, historians, celebrities, as long as they are involved in or associated with the TOPISM movement.

Materials: sound files for personal devices (smartphones, mp3 players, tablets) and illustrated or simply printed texts.
Each “fiction-critic” can use music, sounds, noises, stories, diagrams, hypnotic suggestion or any other technique that can survive encoding in audio files or on the printed page.

& IL TOPO movement is: Armando della Vittoria, Mattia Barbieri, Iain Baxter&, Marco Bazzini, Caspar is Caspar, Rugiada Cadoni, Guillaume Clermont, Gabriele Di Matteo, Francesco Fossati, Stefania Galegati Shines, Piero Gatto, Martín Giménez ex Larralde, Debora Hirsch, David Liver, Fréderic Liver, Francesco Locatelli, Monica Mazzone, Pietro Montone, Giancarlo Norese, Steve Piccolo, Fabien Pinaroli, Luca Pozzi, Gak Sato, Franco Silvestro, Aldo Spoldi, vedovamazzei.

www.eiltopofictioncritique.com

November 16, 2014

Money Money Money, Varese

G.N., Money is dead, 2014
MONEY, MONEY, MONEY. Vladimír Havlík – Giancarlo Norese. Two works, one for each artist, exploring the dynamics that undergo the relationship with money.

Nov 16–Dec 10, 2014

Una mostra composta da due opere, una per artista, per un dialogo e una riflessione attorno alle dinamiche della relazione con il denaro, attraverso una metodologia “impositiva” che parte dalla commissione di un lavoro ad uno degli artisti (Norese): la produzione di un’opera con il budget di 10 euro. Un pensiero attorno al senso ultimo del denaro, alla sua dematerializzazione, alla sua scomparsa, rappresentato come forza capace di costruire i desideri, ma anche di portare al collasso e verso l’astrazione, i rapporti interpersonali e comunitari.

Il titolo “Art is Money” si riferisce a un mondo dell'arte in cui tutto ciò che nasce o viene classificato come arte può velocemente trasformarsi in merce. Il divario tra arte e denaro quasi viene a scomparire...
Vladimír Havlík

G.N., Money is dead, 2014
Così come sono necessarie lingue diverse per dire propriamente cose diverse, ci sono denari diversi per comprare beni diversi. Credo che stiamo vivendo un’epoca speciale, in cui possiamo ancora decidere (per l’ultima volta?), il destino delle cose e “come vogliamo vivere”.
“Denaro” e “lavoro” sono parole che non sono più uguali a sé stesse, sono soggetti paralleli che occupano lo stesso spazio fisico, in dimensioni diverse, in universi coincidenti (…) Considero la morte del denaro come uno spostamento di “universo”, come un tunnel tra l’Ade e Second Life, tra lavoro morto e lavoro vivo, tra rifiuto del lavoro, lavoro come forma di schiavitù e pensiero come forma di lavoro.
Se la valuta si è dematerializzata, se l’economia si è finanziarizzata, perché il mondo dei viventi dovrebbe essere diverso da quello dell’isola dei morti?
Giancarlo Norese

November 2, 2014

The Celebration of the Living (who reflect upon death), 5


San Cesario di Lecce, Italy, Oct. 25 to dawn of Nov. 2, 2014

I am Beatrice who urges you to journey,

Come from a place to which I long to return.
Love moved me to speak my heart to you.

(Inf. II, 70-72)


Let us summon one dear to us, a deceased friend or loved one, and take him or her with us, from the first moment to the end of a journey.
Each person who decides to participate in “The Celebration of the Living (who reflect upon death),” in its fifth edition this year, is invited to bring along someone they have lost, to create a particular and pervasive dimension of accompaniment, starting with the preparations for the departure to reach San Cesario di Lecce.
Each can bring to life this voyage-in-company in the way they deem best, relying on imagination, intuition, storytelling. Will this presence/absence guide our steps and our encounters, in order to speak, like Beatrice, with us and for us?
This year the Celebration of the Living, instead of a single pilgrimage on November 2nd, will extend through a longer period and be enlivened by an unusual form of participation, between the dead who speak through the living, and the living who meet through the dead.
With total freedom, each person can decide if and when to introduce others to the invisible presence that accompanies them: for this to happen, we simply propose a space (Lu Cafausu) and a time (at dawn, every day from October 25th to November 1st).
Across this span of days, the theme of the compresent relationship between the living and the dead will form the backdrop of gestures and conversations, until November 2nd, the final day, in which we will gather by walking, visible and invisible, from dusk towards dawn.

The fifth edition of “The Celebration of the Living (who reflect upon death)” has been realized in the context of Free Home University, with the active participation of Mattia Pellegrini, Davide Ricco, Sara Alberani, Luca Musacchio, Sarah Ciracì, Gianluca Marinelli, Matteo Greco, Roberto Tenace, Carlo Marchetti, Lisa Batacchi and other new friends.

October 4, 2014

Più arte per tutti!, Empoli

Più arte per tutti!
sabato 4 / domenica 5 ottobre 2014
Sincresis, via della Repubblica 52/54, Empoli (Firenze)
sabato: ore 14.30 / 21, domenica: h 10.30 / 20

con Lisa Batacchi, Raffaello Becucci, Lapo Binazzi (UFO), Giancarlo Norese, Claudio Parrini
e la partecipazione di Aurelio Amendola, Vito Deleonardis, Ubaldo Fadini, Filippo Falaguasta, Francesco Galluzzi, Luca Musacchio, Jacopo Renai, Luca Scarabelli

coordinamento di 
Outarte
SomethingLikeThis

supporto tecnico di
Dituttodipiù

bitcoin friendly event


Dopo l’esperienza di “Meglio mangiare poco tutti i giorni che tanto una volta al mese”, avvenuta nel maggio scorso a Montelupo Fiorentino, in concomitanza con un mercato dell’usato organizzato da “Dituttodipiù”, il progetto arriva ora a una sorta di seconda ricognizione. 

Nuovo banco di prova è Sincresis, l’Associazione culturale per le arti contemporanee diretta da Alessandra Scappini a Empoli, che nei giorni 4 e 5 ottobre 2014 ospiterà una mostra dal titolo “Più arte per tutti!”. 
Come nell’operazione precedente, l’intento è quello di sondare, grazie all’iniziativa di un gruppo di artisti che si sono uniti alla causa, la relazione e il rapporto/scontro tra arte e mestiere, in quanto posizione e valore dell’artista all’interno di un sistema e della sua “sopravvivenza” nel sistema stesso… un paradigma della condizione di chiunque voglia riflettere sul significato attuale della parola “lavoro”.

Articolata sia negli spazi interni che quelli esterni della galleria, l’esposizione nasce quindi dopo attente riflessioni sulla questione dell’opera d’arte e la sua “diffusione”, attraverso le diverse esperienze economiche e di comunicazione, in particolare quelle più popolari e per così dire “anarchiche“ che oggi trovano linfa attraverso internet oppure in ambiti “alternativi“. Di discussione in discussione, è nata l’idea di rimettere in gioco la questione, di provocare il visitatore occasionale che spesso resta passivo di fronte alle manifestazioni cosiddette artistiche, e di andare a instaurare un dialogo propositivo tra artisti, collezionisti, appassionati, mecenati, semplici curiosi: cercare di non relegare tutto all’idea di istituzione, spesso con i suoi sistemi rigidi e limitativi, riferito non alla galleria in quanto tale, ma al sistema; e ribaltandone non il significato, ma il fine stesso. 

La galleria si aprirà alle istanze di questi cinque artisti che, a loro volta, coinvolgeranno altri artisti, teorici e professionisti, seguendo una linea di pensiero del dialogo, andando a esporre e a creare “mercato” con le loro opere, ma anche presentando oggetti vari, concetti, progetti culturali, dimostrazioni in diretta del loro “fare arte“, mirando a riflettere sul ruolo della “produzione”.

La mostra, da semplice (si fa per dire) contenitore di oggetti d’arte, aspira a divenire un contenuto in trasformazione: ogni autore allestirà una sorta di banco, dove “mercanteggiare” le proprie produzioni, ma il banco sarà anche uno spazio di dialogo diretto, in progress, durante i due giorni dell’iniziativa. Si potrebbe definire questa una mostra “aperta”, capace di andare incontro a chi spesso si fa timido e impaurito verso le istanze più elitarie dell’arte, cercando il confronto, lo scambio, la vendita, come dire: “… una stretta di mano e l’affare è fatto!” (e si accettano bitcoin e altre criptovalute).

Il titolo, quasi uno slogan, oltre a riecheggiare una manipolazione del consenso del nostro recente passato, rivendica la presa di responsabilità degli artisti nel mettersi in gioco, nell’ambizione di uscire da un regime di regole, dal potere imperante, a testa alta, coraggiosamente… Rivendicando inoltre un proprio spazio d’azione, mettendosi in discussione, cercando di imporsi dentro le regole per poi stravolgerle, questi artisti si creano una piattaforma di mercato e di valutazione personale, sia economica (nella vendita e divulgazione del proprio impegno), che artistica, nel ruolo che un’opera assume all’interno della società “popolare“.

Oltre agli iniziatori del progetto, gli artisti Lisa Batacchi, Raffaello Becucci, Lapo Binazzi (UFO), Giancarlo Norese e Claudio Parrini, parteciperanno Vito Deleonardis le sue “Espressioni 900”, collezione di cataloghi e libri d’arte, molti dei quali vere e proprie rarità, e Jacopo Renai, con oggetti di design e altro ancora.
Inoltre, coordinati dallo storico e critico d’arte Francesco Galluzzi (con la collaborazione di Claudio Parrini), saranno presentati anche due incontri aperti al pubblico che andranno ad approfondire maggiormente la questione: sabato 4 ottobre alle ore 17, sarà il turno del filosofo Ubaldo Fadini, mentre domenica 5 ottobre, sempre alle 17, si terrà una “chiacchierata” con il fotografo Aurelio Amendola (che per l’occasione esporrà anche un suo lavoro fotografico). 

per informazioni e appuntamenti:
Sincresis, Associazione culturale per le arti contemporanee
via della Repubblica, 52/54 - 50053 Empoli (Firenze)
tel. 0571 73619; a.scappini(at)virgilio.it

Outarte, www.outarte.com
Dituttodipiù, www.dituttodipiu.net

Come arrivare
in auto: superstrada da Firenze o da Pisa (FI PI LI), uscita Empoli (la seconda dopo Empoli Est o Empoli Ovest), a 700 metri verso il centro di fronte alla incoop di Via della Repubblica;
in treno: da Firenze, da Pisa, da Siena fermata Empoli e proseguire a piedi per un chilometro in direzione Pisa.